15 luglio

Fondazione Devlata – Compagnia Stabile del Molise – Teatro91

presentano

Io sono Misia

di Vittorio Cielo

con Lucrezia Lante della Rovere

regia Francesco Zecca

luci Pasquale Mari

scene Gianluca Amodio

musiche Diego Buongiorno

costumi Alessandro Lai

regista assistente Arcangelo Iannace

Quale segreto, rende unica e assolutamente necessaria per tanti geni, la presenza di una donna? Nel cuore di Parigi, capitale delle arti tra ‘800 e ‘900, si dispiega il fascino e il potere misterioso di Misia Sert. Picasso, Proust, Chanel, Ravel, Debussy, Stravinsky, Toulouse-Lautrec, Cocteau, i Balletti Russi di Diagilev & Nijinsky, sembrano tutti non riuscire a fare a meno di lei. Sempre presente, sul nascere, a tutti i grandi momenti e i grandi scandali delle avanguardie che hanno marchiato il secolo e l’arte che adoriamo. Con delicatezza, la leonessa dagli occhi color malva, salva dalla disperazione e dalla fame tanti talenti indifesi e sconosciuti, che con sguardo infallibile capisce già al primo istante, mentre nessuno li riconosce. Nomi che oggi sono immortali. E con quanta forza, e autorevolezza, Misia salva dal fallimento per vent’anni i Balletti Russi; trasformando in mecenati, ricchi industriali e banchieri, insensibili al nuovo, ma sedotti dal suo meraviglioso sguardo. Tutti questi geni, e il pubblico di oggi, le devono tantissimo. Senza Misia, tanti capolavori non ci sarebbero stati. Tanti destini, non sarebbero stati luminosi. I segreti rapporti che ruotano intorno alla figura sofisticata della “Regina di Parigi” sono rivelati in controluce, illuminando e svelando una delle donne più influenti del secolo.

Misia. Sempre in piena luce, e allo stesso tempo, misteriosamente, in ombra.

Vittorio Cielo

5 lucrezia 7 zecca